Il materiale qua proposto è stato elaborato e donato al mondo da parte di altri ragazzi, studenti, professionisti, che così facendo hanno permesso a te ora di leggere e imparare qualcosa. Se vuoi far lo stesso scrivimi e inviami quello che hai.

INDAGINI


Sulla santabarbara sono state condotte due campagne di indagini, una di rilievo e una di prove indirette. 

Rilievo


Sono stati rilevati gli ambienti del bunker e della polveriera, attraverso trilaterazioni condotte con rotella metrica e
distanziometro laser. Tutto ciò che non è stato possibile misurare in sito, dovuto alla difficile raggiungibilità di alcune porzioni dell’edificio, è stato valutato attraverso una campagna fotogrammetrica. 





Indagini dirette 


Sono state realizzate prove non distruttive per ottenere maggiori indicazioni sulla qualità delle murature, e sulla loro tecnologia.

In particolare sono state eseguite prove sclerometriche e videoendoscopiche.

Prove Sclerometriche



Le prove sono state effettuate sulla muratura perimetrale in calcare marnoso (“pietra di promontorio”), sulla muratura del vano scale, costituita della stessa pietra con piattabande in mattoni in corrispondenza delle bucature, sulla muratura del piedritto  dell’arco, ed infine sulla muratura in mattoni della santabarbara. È stato utilizzato uno sclerometro da pietra modello Original Schmidt Tipo N/L.
Non è stato possibile eseguire prove sclerometriche sulle malte delle diverse murature, data la condizione di scabrezza
dell’intonaco, che non ha permesso di utilizzare lo strumento (sclerometro da malta, modello Original Schmidt Tipo PM) in maniera adeguata.
Una volta scelti gli elementi sui quali effettuare le prove (indicati nella seguente immagine) sono state realizzate un totale di 12 battute per ogni elemento. Nelle tabelle a seguire sono riportati i risultati ottenuti, comprese le medie ed i valori massimi e minimi per ogni elemento e per la muratura in generale.
 








Prove Videoendoscopiche

Attraverso il videoendoscopio è stato possibile valutare la tessitura muraria del doppio paramento in mattoni che costituisce l’involucro della santabarbara. Grazie a questa prova si è inoltre certificata la presenza di collegamenti trasversali tra i pannelli, attraverso diatoni posizionati circa a metà dell’altezza della costruzione, sicuramente presenti nella parete posteriore, ma ipotizzabili anche sulle altre pareti. Il collegamento trasversale dei due paramenti della facciata principale è assicurato dai muri- spalla della porta.